Web Master B.R.

Parrocchia dei Santi Giuseppe e Giuliana

Vai ai contenuti

Menu principale:

Santa Giuliana

ORARIO SANTE MESSE   

FERIALI / PREFESTIVE:
ore: 18.30

FESTIVE:
ore:  8.00;  09.30; 11 .00 ; 16.30

DIRETTA STREAMING TUTTE LE DOMENICA ORE 9.30

San Giuseppe
STORIA DELLA COMUNITA'

Nel 2002 il Sig. Igino Tonin in collaborazione con il ex parroco Don Lorenzo Martellozzo ha voluto creare un prezioso volume di ricerca storica corredato da magnifiche fotografie da lui stesso realizzate. Per coloro che fossero interessati a questo magnifico libro potrà acquistarlo presso il bar del circolo Noi della Parrocchia di Villa del conte.  

NUMERI UTILI

PARROCCHIA SS. GIUSEPPE E GIULIANA

UFFICIO PARROCCHIA

Via Roma 77
Villa del Conte
35010 Padova
TEL. 049 5744064
villadelconte@diocesipadova.it



__________________________________

CIRCOLO NOI
Via Roma 77
Villa del Conte
35010 Padova
TEL. 049 5744001
CELL. 329 2053289
__________________________________

ABITAZIONE PARROCCO
Via Roma 68
Villa del Conte
35010 Padova
TEL. 049 5744108
CELL. 340 0701748
__________________________________

Centro Infanzia e Nido integrato
"Suor Almarosa Rech"
Via Roma 69
Villa del Conte
35010 Padova
TEL. 049 5744064
infianzia.vdc@libero.it


__________________________________

REDAZIONE DEL GIORNALE
Comunità in festa
redazione@parrocchiavilladelconte.it


RICHIESTA BOLLETTINO PER EMAIL



SINO

II° Domenica di Pasqua

Letture: At. 4, 32-35; 1 Gv. 5, 1-6; Gv. 20, 19-31.
Il sommario che troviamo nella prima lettura, tratto dal libro degli Atti degli Apostoli, ci introduce alla vita della prima comunità cristiana. Il carattere decisivo è la loro comunione fraterna, con la quale di fronte a tutto il popolo possono rendere autentica testimonianza al Signore. Quest unione non è frutto dello sforzo umano, ci ricorda Giovanni nella seconda lettura, ma dono dello Spirito, che unisce tutti coloro che credono in Gesù e amano i fratelli.
E’ questo il dono più grande che il Risorto ha fatto agli apostoli riuniti, ancora impauriti dopo lo scandalo della croce. Gesù dona loro lo Spirito e la sua presenza, risveglia la fede e la confessione di Tommaso lasciandosi riconoscere come il Crocifisso risorto, che solo può donare la vera pace del cuore.
E’ lo Spirito che porta i discepoli ad accogliere la missione che viene loro affidata dal Risorto: “Come il Padre ha mandato me, anch’io mando mando voi”.

Il bisogno di vedere e di toccare

Abbiamo tutti, come Tommaso, il bisogno di vedere di toccare. Le parole degli altri non ci possono bastare. Vogliamo fare esperienza diretta della realtà. E questo soprattutto quando si tratta di una persona che abbiamo amato, che ci è stata strappata in modo violento e drammatico e che ora ci dicono sia risorta. Il dubbio di Tommaso, dunque, lo comprendiamo bene. Quante volte lo abbiamo avvertito anche noi, e talvolta in modo lancinante. Gesù offre a Tommaso questa possibilità: “Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani, tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo ma credente!”.
Il racconto non dice se Tommaso abbia afferrato poi questa possibilità, non dice se poi in effetti abbia toccato i segni della passione per sincerarsi, per essere sicuro che il Risorto fosse proprio colui che era stato inchiodato alla croce. Il vangelo riferisce, invece, la sua professione di fede, la più semplice e la più diretta che si possa immaginare: “Mio Signore e mio Dio!”. Tommaso, probabilmente, non ha più bisogno di toccare: gli è bastato incontrare personalmente Gesù. Anche a noi questo può accadere, ma senza vedere e senza toccare. Perchè il Risorto non ha più il corpo di prima e dunque la sua non è una presenza fisica che si impone. Ci vuole la fede per accorgersi di lui. Ci vuole la fede per incontrarlo. In caso contrario gli passiamo accanto distratti, presi da altre cose.
In caso contrario non riusciamo neppure a vederne le tracce. Un percorso più duro? Gesù ha un modo diverso di vedere le cose. Dice “beati” a “quelli che non hanno visto e hanno creduto”. Beati, cioè felici, fortunati perché sanno rallegrarsi di questa presenza nuova offerta a tutti. Beati perché hanno occhi buoni, gli occhi della fede, per riconoscere il Cristo che li visita nel tessuto della loro vita quotidiana. Beati perché immuni da qualsiasi istinto di possesso e liberi di accogliere il dono di Dio così come si presenta. Beati perché disposti ad abbandonarsi al Cristo senza fare tante domande.

Incontri Pre -Visita Pastorale

Ci sono alcuni incontri che prepareranno la Visita Pastorale del vescovo Claudio nella nostra parrocchia e nelle parrocchie di S. Giustina in Colle, Fratte e San Marco di Camposampiero. Mercoledì 17 marzo incontro del parroco con don Paolo Zaramella e don Federico Giacomini per raccontare della pastorale giovanile della nostra comunità.
Mercoledì 17 marzo ore 20.00 incontro del Consiglio Pastorale Parrocchiale ed il Consiglio per la Gestione Economica con un vicario della Diocesi in parrocchia.
Giovedì 25 marzo ore 20.45 a Fratte incontro con il vicario episcopale e l’economo diocesano con i parroci e i membri del CPGE delle 4 parrocchie coinvolte nella visita.
Mercoledì 13 aprile ore 20.45 a Villa Del Conte incontro con gli animatori e don Paolo Zaramella per preparare l’incontro dei giovani con il vescovo del 7 maggio a Villa Del Conte.
Dal 21 al 28 marzo incontro del parroco con don Stefano dal Santo per visionare l’archivio e i registri della parrocchia.

Presidenza del Consiglio Pastorale Parrocchiale

Mercoledì 14 aprile ore 20.30 incontro della Presidenza del Consiglio Pastorale Parrocchiale per internet per prepararci alla visita pastorale del vescovo Claudio e per comunicazioni varie.

Comunione degli ammalati

Gli ammalati che desiderano in questo periodo ricevere la comunione a casa, per il rispetto delle normative covid, contatti personalmente per telefono i sacerdoti che provvederanno alla visita in famiglia.

Adorazione in chiesa

Tutte le sere, dal lunedì al sabato, prima della celebrazione eucaristica, in chiesa dalla ore 17.30 fino alle 18.30 c’è un momento di adorazione silenziosa e di preghiera con la recita del rosario.

Cammino di Iniziazione Cristiana

Continua il percorso di preparazione al dono dei sacramenti della cresimacomunione che i ragazzi riceveranno nelle ultime due domeniche di maggio. Per gli altri gruppi: alcuni si trovano in presenza, altri hanno attivato un percorso in internet sia per i ragazzi che per i genitori e un gruppo sta facendo un percorso liturgico con tutta la famiglia trovandosi in chiesa.

 
ABBONATI SUBITO
 
DIOCESI DI PADOVA
 
 
 
 
 
Contatori visite gratuiti
Torna ai contenuti | Torna al menu